Privacy Policy politicamentecorretto.com - Amanti del violino

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Amanti del violino

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Alle volte mi chiedo che cosa possa spingere uomini politici, giornalisti, scrittori, ecc., ormai affermati e che non hanno certo bisogno di favori, a continuare a suonare il violino per i potenti, facendo anche stecche madornali, con conseguenti figure tapine. Durante la trasmissione Ottoemezzo (11 marzo) Carlo Rossella, riguardo alla frase del presidente Napolitano a Tor Vergata: «Qui si è respirata una bella aria, altrove c'è la bolgia», ha detto: "Io non so a che cosa si riferisse. Probabilmente al chiasso che gli studenti fanno fuori dell'Università". Lo stesso giornalista, quando morì la mamma di Silvio Berlusconi, scriveva su La Stampa del 4 febbraio 2008: "Dietro un grande uomo c'è sempre una grande mamma", dando per scontato che il suo Cavaliere sia un grande uomo. Lo stesso giornalista, l'anno scorso, descriveva l'incontro del Premier con la signora Michelle Obama, così: "Ci voleva un italiano molto intelligente, molto simpatico e molto ammaliatore per sciogliere Michelle. La First Lady non è solita andare incontro all'ospite. Sorride, certo, ma si tiene. Invece questa volta, quelle braccia alzate e quell'espressione del premier hanno rotto il ghiaccio". Mentre tutti i giornali commentavano: "Michelle Obama dà la mano a Berlusconi, ma niente bacio...".
 
Elisa Merlo
 

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)