Privacy Policy politicamentecorretto.com - Ecco le modalità di esercizio del voto all’estero

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Ecco le modalità di esercizio del voto all’estero

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Consiglio dei Ministri: DECRETO ELETTORALE
 

 

 


Il Vice Ministro Danieli, che ha partecipato oggi al Consiglio dei Ministri nel quale si è discusso e approvato il testo del Decreto Legge contenente norme riguardanti le prossime elezioni politiche sia in Italia che all’estero, rende note le principali innovazioni apportate alle modalità di esercizio del voto per gli italiani all’estero.
Il decreto, frutto di articolate e approfondite riunioni tra le Amministrazioni interessate,  tiene conto dell’esperienza delle passate consultazioni elettorali e prevede, in sintesi, le seguenti novità.
1. invio del plico elettorale con sistemi di posta raccomandata
2. eliminazione dal plico di materiale ridondante
3. possibilità di consegna a mano, al Consolato, del plico contenente la scheda votata da parte degli elettori iscritti in “elenco aggiunto”
4. soppressione della firma del presidente di seggio sul retro della scheda elettorale
5. l’elevazione da tre a sei dei magistrati componenti il costituendo ufficio centrale per la circoscrizione estero
6. la diminuzione da 5000 a un minimo di 2000 e un massimo di 3000 elettori per seggio elettorale
7. la scelta del segretario di seggio da parte del presidente del seggio stesso, fra gli elettori in possesso di un titolo di studio di istruzione secondaria di secondo grado.

Il decreto approvato oggi regola inoltre l’esercizio del voto all’estero per alcune categorie di cittadini temporaneamente residenti fuori dall’Italia. In particolare, le tre categorie di connazionali già individuate in occasione della passata tornata elettorale, cioè i dipendenti delle Amministrazioni pubbliche centrali, i militari in missione di pace e i professori o ricercatori  universitari, che continueranno a votare all’estero, ma per i candidati delle circoscrizioni  nazionali di riferimento (il Lazio al Senato e il collegio di Roma 1 per la Camera  nel caso dei dipendenti delle Amministrazioni ivi compresi i professori, le circoscrizioni in cui è ricompreso il Comune sede del reparto di appartenenza, nel caso dei militari impegnati in missioni internazionali).
Il Vice Ministro Danieli  ha espresso soddisfazione per il risultato raggiunto, evidenziando che i correttivi apportati agevoleranno lo svolgimento delle operazioni elettorali, ivi comprese quelle di scrutinio, per cui - infine - si stanno esaminando anche diverse e migliori soluzioni logistico-organizzative.

 


 

Invia commento comment Commenti (2 inviato)

  • Inviato in data Carmine Gonnella , 14 Febbraio, 2008 19:22:44
    Caro Angelo non di certo noi " comuni mortali " gia' nel lontano Oct 2005 ) avevo ( come tu gia sapevi ) fatto presente dell' anomalia spedizione plico: http://www.italiaestera.net/modules.php?name=News&file=article&sid=3276 Sembrerebbe che dopo un anno e mezzo con la posta raccomandata qualcuno abbia riscoperto l' acqua calda . Ciao carmine da Londra
  • Inviato in data angelo saracini, 14 Febbraio, 2008 17:56:26
    chi stabilisce quale sara' il materiale ridondante?