Privacy Policy politicamentecorretto.com - A Chieuti (FG) un centro polifunzionale per extracomunitari regolari nell’ambito di Pon Sicurezza

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

A Chieuti (FG) un centro polifunzionale per extracomunitari regolari nell’ambito di Pon Sicurezza

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

‘Benvenuti’ è  il nome del progetto finanziato dal Programma gestito dal Ministero dell’Interno – Dipartimento della Pubblica Sicurezza. Come da comunicato ricevuto ogghi, 21 luglio 2011.

Si chiama “Mirësevini – Mirë si na erdhët – Benvenuto” ed è il progetto presentato dal Comune di Chieuti nell’ambito del PON Sicurezza per la nascita di un Centro polifunzionale per immigrati extracomunitari regolari.  Il Programma per la Sicurezza gestito dal Ministero dell’Interno e cofinanziato dall’Unione Europea lo sosterrà con 1.347.751,94 euro.

Da sempre meta di immigrati, Chieuti, in provincia di Foggia, fu il punto di arrivo dei gruppi di albanesi che, fra il 1400 e il 1700, scappavano dalla dominazione turca. Il nome del progetto, che usa l’albanese moderno (Mirësevini) e l’albanese del ‘500 (Mirë si na erdhët) per tradurre la parola italiana ‘benvenuto’, si riallaccia alla storia del paesino pugliese e vuole indicare l’obiettivo del progetto: accogliere gli immigrati in terra straniera, terra che 500 anni fa era straniera anche per coloro che oggi accolgono.

Il Centro avrà il compito di informare ed orientare gli immigrati sui servizi presenti sul territorio regionale e nazionale, con particolare riguardo ai servizi socio-sanitari. Verrà offerto un servizio informativo per la ricerca di abitazioni, un servizio di prima accoglienza e orientamento per favorire l’inserimento e l’integrazione socio-culturale  anche attraverso la realizzazione di corsi di lingua italiana. Infine, vi saranno attività di avviamento al lavoro e servizi di mediazione linguistica e culturale. Un particolare focus verrà realizzato sulle donne immigrate extracomunitarie. Si cercherà di favorirne l’autonomia, la formazione professionale, l’alfabetizzazione, l’avvio di piccole attività imprenditoriali.

Il Centro sarà ospitato in due immobili vicini: la chiesa di Santa Maria degli Angeli e il contiguo Oratorio parrocchiale, concessi in comodato d’uso gratuito al comune dalla diocesi di San Severo. La chiesa, che risale alla prima metà del ‘700, è sconsacrata e versa in stato di degrado. Dopo i lavori di ristrutturazione, finanziati dal Programma Operativo Nazionale "Sicurezza per lo sviluppo - Obiettivo Convergenza 2007-2013", essa diventerà il fulcro del Centro polifunzionale con una sala da 90 posti per lo svolgimento di convegni, proiezioni, videoconferenze.  Nell’oratorio - tre piani anch’essi inutilizzati -  troveranno spazio tutte le altre attività: uno sportello informativo e di segretariato sociale, le aule per la formazione linguistica e l’avviamento al lavoro, uno spazio-laboratorio per la trasformazione e il confezionamento di prodotti agroalimentari tipici del territorio. Per maggiori informazioni www.sicurezzasud.it - UFFICIO STAMPA PON SICUREZZA OBIETTIVO CONVERGENZA - Tel. +39  06/46535396 - e-mail: ufficiostampa.ponsicurezza@interno.it. Responsabile Ufficio stampa: Annamaria Graziano  - Ufficio stampa: Alessandra Severini, Cecilia Ferraro, Michele Guerriero, Costanza Azzarone. Addetto Stampa: Debora Piccolo - mob: +39. 333.5889436 e-mail: d.piccolo@ocmmedia.com 

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)