Privacy Policy politicamentecorretto.com - Interrogazione Parlamentare‏

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Interrogazione Parlamentare‏

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

Interrogazione a risposta scritta

Ai Ministri dell’Interno e della Giustizia - Per sapere – Premesso che:

- Lamezia Terme, terza città calabrese, è da anni sede di una faida, iniziata nel 2000, tra le ‘ndrine Torcasio – Cerra da una parte e Iannazzo – Giampà dall’altra, il che ha portato a numerosi omicidi;

- la Città di Lamezia Terme è, inoltre, stata sottoposta per ben due volte, nel 1991 e nel 2002, allo scioglimento del Civico Consesso per la presenza di forme di condizionamento da parte della criminalità organizzata;

- in questi ultimi giorni è stata ufficializzata su parte della stampa e siti regionali della Calabria, le situazioni di disagio e di pericolo nelle quali si trova Massimo Di Stefano, collaboratore di giustizia dal 1995, al quale di recente sarebbe stata revocata la protezione, a causa della “sussistenza di condotte asserite come incompatibili con l’assentito programma di protezione e con lo status di collaboratore di giustizia”;

- il collaboratore di giustizia, Massimo Di Stefano, ha raccontato, in esclusiva alla Gazzetta del Sud, del perverso intreccio “politico – mafioso” che ha governato e governerebbe Lamezia Terme;

- lo scenario che  emerge dal racconto di Massimo Di Stefano è davvero inquietante, giacché le cosche della ‘ndrangheta lametina deciderebbero sul futuro della Città fino ad influenzare le competizioni elettorali e la coalizione politica alla quale affidare il governo del territorio;

- Massimo Di Stefano avrebbe anche affidato notizie su alcuni delitti verificatisi in quella Città negli anni passati; in particolare, sull’omicidio di Antonio Mercuri, avvenuto nel maggio del 1986 candidato alle elezioni per il rinnovo del consiglio comunale e per il quale il collaboratore di giustizia avrebbe fornito agli inquirenti i nomi dell’esecutore materiale del delitto e dei mandanti (“due politici”);

lo stesso collaboratore Massimo Di Stefano avrebbe anche riferito il nome del mandante (“autorevole esponente di cosca lametina”) del duplice omicidio di Pasquale Cristiano e Vincenzo Tramonte, netturbini uccisi il 24 maggio del 1991;

- ad avviso dell’interrogante le rivelazioni di Massimo Di Stefano, da una parte andrebbero accertate dalla Magistratura inquirente e potrebbero di conseguenza far luce su alcuni omicidi avvenuti in Città, dall’altra per la loro pesantezza potrebbero mettere in grave pericolo la vita del collaboratore e  quella dei suoi familiari:

- se ritengano di dover valutare le eventuali condizioni per restituire lo status di collaboratore di giustizia a Massimo Di Stefano;

- quali iniziative intendano assumere rispetto al contenuto delle dichiarazioni di Massimo Di Stefano sia relativamente agli omicidi avvenuti a Lamezia Terme sia sull’influenza delle cosche lametine sulle competizioni elettorali.

On. Angela NAPOLI


Roma, 29 marzo 2012

Invia commento comment Commenti (0 inviato)