Privacy Policy politicamentecorretto.com - Quote rosa, Garavini (Pd): "Prepariamo il terreno per un'Italia più meritocratica e più produttiva

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Quote rosa, Garavini (Pd): "Prepariamo il terreno per un'Italia più meritocratica e più produttiva

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

Entra in vigore la legge Golfo-Mosca che introduce le quote rosa nei CdA

 

 

“Le donne sono una risorsa per la crescita del Paese. Molti ostacoli e troppe discriminazioni limitano il loro accesso ai ruoli di comando del mondo economico italiano. Con l’entrata in vigore della legge che introduce le quote rosa nei Consigli d’amministrazioni, prepariamo il terreno per un’Italia più meritocratica e più produttiva”. Lo dice Laura Garavini, commentando l’entrata in vigore della legge Golfo-Mosca, approvata un anno fa dal Parlamento. Da sabato scorso, la legge è diventata effettiva e i Consigli d’amministrazione delle società quotate e a controllo pubblico dovranno essere rinnovati riservando un quinto dei componenti al genere meno rappresentato. Dal 2015 la proporzione dovrà aumentare a un terzo.

 

“Le quote rosa sono uno strumento necessario per superare le gravi discriminazioni che interessano le donne in Italia”, continua la deputata eletta all’estero. “L’esperienza di altri Paesi dimostra che le quote sono l'unico strumento capace di garantire una maggiore e meritata presenza femminile nei posti decisionali. Un passo importante a cui bisogna fare seguire ulteriori provvedimenti per il raggiungimento delle pari opportunità tra uomo e donna”.

 

“Anche per quanto riguarda la presenza delle donne in politica serve un radicale rinnovamento culturale”, aggiunge Laura Garavini. “Il ‘Porcellum’ va sostituito con una legge elettorale che, oltre a ridare agli italiani la possibilità di scegliere i propri rappresentanti, garantisca anche un’equa rappresentanza femminile”.

 

 

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data rosario cambiano, 01 Agosto, 2012 05:59:05
    Signora Garavini, nessuno impedisce di dare il voto ad una donna.Come nessuno impedisce in una lista di essere tutte donne.Ma la parola spetta agli elettori.Per intanto dica ai suoi di cambiare il Porcellum.Se poi lei vuoleper forza , contro la volontá degli elettori una grossa percentuale.Le ricordo che saremmo noi i discriminati .Dello stesso parere e´anche la Merkel.