Privacy Policy politicamentecorretto.com - Bella serata culturale in Basilicata.

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Bella serata culturale in Basilicata.

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Presentato il libro “Una vita da medico condotto” del sen. Antonino Monteleone

Nino Bellinvia

A Montalbano Jonico, in provincia di Matera, nella splendida cornice dell’anfiteatro di Piazza Risorgimento, nei pressi del Palazzo Municipale, si è svolta sabato scorso 25 agosto una serata culturale molto particolare e che resterà nella storia della città.
”E’ stata una grande festa (l’ha definita l’Assessore alla Cultura Rocco Tauro), così come avviene ogni volta che si presenta un libro da intendere come arricchi3emnto culturale per tutti”.
E nel corso della serata è stato presentato il libro “Una vita da medico condotto”, scritto dal sen. prof. dott. Antonino Monteleone,
Un modo per  ricordare il proprio medico condotto, una figura che ormai non  esiste più, ma che ancora oggi se ne sente la mancanza ha ribadito Vincenzo Devincenzis, sindaco di Montalbano, a cui ha fatto seguito il discorso del preside del Liceo Scientifico “E. Fermi” di Policoro, prof. Leonardo Giordano, che ha sottolineato la figura del medico condotto, un faro che ha illuminato le nostre comunità,  perché conosceva i disagi sociali delle famiglie.
Molto interessante è stato il discorso del Presidente dell’Ordine dei Medici di Matera dott. Raffaele Tataranno, che ha raccontato come si è arrivati ai giorni nostri e di come sia cambiata l’assistenza medica e ospedaliera in Italia. Migliorata di molto sul piano scientifico e peggiorata nel rapporto umano.
Nelle considerazioni finali e nei saluti, il Senatore ha ricordato anche il Prof. Biagio Lorè dell’Università Roma tre, impossibilitato a partecipare a questa bella quanto mai interessante e suggestiva serata culturale, in cui arte, scienza e musica si sono fusi per far vivere il ricordo di un uomo semplice, generoso, che ascoltava la gente e che ha fatto della sua professione una vera missione.
Un esempio di vita, che il con il noto cantore della storia e delle tradizioni lucane Antonio Labate, con la sua inseparabile chitarra, ha evidenziato con una canzone dedicata al dottor Giorgio Pellicone, suscitando nel folto pubblico emozioni e applausi come quando ha cantato i versi “Grazie Giorgio per tutto quello che ci hai dato, e per averci fatto capire, che il medico ci cura, ma è Dio, che anche nella nuda terra, ci guarisce “. Un successo che ha bissato quello di giorni prima in occasione della presentazione dello stesso libro ((stampato in elegante veste tipografia dall’Antica Tipografia di Roma) in un’altra manifestazione organizzata in Calabria, ad Antonimina,  per ricordare nel suo paese natìo il medico condotto Giorgio Pellicone, morto a 83 anni nel 1986, al quale è stato appunto dedicato il libro che oltre a “brevi notizie” sull’autore, comprende un’introduzione del prof. Biagio Lorè, docente di Storia della Pedagogia presso l’Università di Roma Tre, e una postfazione di Pasquale Marano, docente di Scienze radiologiche e preside della Facoltà di Medicina del Policlinico “Gemelli” di Roma.
Il tutto con l’inserzione di diverse fotografie inedite riproducesti Antonimina, ma anche momenti particolari legati alla storia personale del senatore calabro/lucano ed ai personaggi ricordati, in particolare appunto il medico condotto Giorgio Pellicone e la sua famiglia.
Alla fine della serata il Senatore Monteleone, visibilmente soddisfatto, attorniato dai presenti, con i libri in mano (tutti hanno chiesto una personale dedica), ha ricordato che il ricavato della vendita andava interamente devoluto in beneficienza. 
Un bel gesto (i libri sono stati richiesti da tutti) del sen. prof. dott. Antonino Monteleone, laureato in Medicina e Chirurgia, che ricordiamo fra l’altro come specialista in Radiologia Diagnostica e specialista in Medicina Sociale e Preventiva e per la sua attività professionale in Clinica Radiologica all’Università di Messina, e poi a Roma come aiuto del Prof. Roberto Ristori, nonchè per circa trent’anni in Basilicata dove ha diretto il reparto di Radiologia presso l’Ospedale Civile di Policoro e per pochi anni quello di Tinchi-Pisticci in provincia di Matera.  Non si può certo dimenticare la sua attività di Senatore della Repubblica nella 12^ e 13^ Legislatura (marzo 1994 – giugno 2001) e la legge N. 120 del 3 aprile 2001 che porta il suo nome: “uso del defribillatore cardiaco semiautomatico esterno“, e le sue relazioni in Commissione e in Aula della legge sui “trapianti d’organo“. Vogliamo sottolineare che storicamente è stato proprio il primo parlamentare a presentare un disegno di Legge sulla “Telemedicina“. Ha domicilio a Roma, ma è residente in Basilicata, a Montalbano Jonico, sua città di adozione (è nato in Calabria a Antonimina).
Nella foto un momento della serata. Da dx: il cantautore Antonio Labate, il preside Leonardo Giordano, il presidente dell’Ordine dei Medici di Matera Raffaele Tataranno, il sen. Antonino Monteleone, il sindaco Vincenzo Devincenzis e l’assessore alla cultura Rocco Tauro.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)