Privacy Policy politicamentecorretto.com - Il designer Nicola Andreace ha registrato graficamente il “Palio della Mezzaluna 2013”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Il designer Nicola Andreace ha registrato graficamente il “Palio della Mezzaluna 2013”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

Il “Palio della Mezzaluna 2013” di Massafra ha preso il via con le “Olimpiadi in Palio”. Prossimi appuntamenti nei giorni 15-19-21-22 settembre; 6 ottobre.  Palio che fa conoscere ai massafresi le loro radici.

Machiavelli nel suo commento alla Prima Deca della storia romana di Tito Livio avvertiva che un popolo può costruire un progetto vincente di sviluppo e di progresso, solo se conosce le proprie radici. Convinti di ciò, gli organizzatori del Palio della Mezzaluna da alcuni anni, ripercorrendo a ritroso gli eventi del nostro passato, fanno ricordare l’episodio della difesa del nostro territorio dall’invasione turca con una serie di manifestazioni che, coinvolgendo le risorse locali e gemellandosi con altre Città del Palio, promuovono cultura, evoluzione sociale, economia. Nicola Andreace, aedo visivo del suo Sud, come lo definì il critico d’arte Mario Penelope, per l’occasione, come per le Edizioni passate, ha registrato l’evento commemorativo, curando la grafica e creando un’opera, che è stata utilizzata per il materiale divulgativo (cartoline, pieghevoli, invito), per il Manifesto e per il Palio della Mezzaluna, una tela in tecnica mista,

di m. 2,00x 1,00, la quale per un intero anno sarà esposta nella Chiesa del rione degli atleti vittoriosi. Nella creazione visiva del corrente anno 2013, Andreace usa una luce dorata, che  crea con lo sviluppo fluido del colore ed i contrasti di chiaro ed oscuro un’atmosfera onirica in cui s’incastonano sogno e realtà. L’habitat massafrese ( le case, abbacinate dal sole, il Castello, la Chiesa) si trasforma in una quinta del palcoscenico, dove i guerrieri, su cavalli tempestosamente frementi, incarnano il mito, la tradizione, la cultura, l’ego dell’uomo con le sue emozioni, la sua forza, la sua energia, il suo sgomento, le sue speranze. Intanto un araldo, nella sua compostezza, assorto nel suo incarico, comunicando il messaggio,  diventa paradigma della dignità, con cui si vivono i drammi quotidiani. Egli esprime il sogno di una comunità, che sa di poter ritrovare la forza per un riscatto, che vorrebbe la vittoria della pace sulla violenza, sugli egoismi,  sui conflitti, sulle guerre. L’intera composizione  diventa l’itinerario del tempo e la voce di Andreace che, rievocando, riflette, e, riflettendo, rappresentando la realtà nel suo attimo vitale, esprime con simboli l’amore per la sua terra ed  il convincimento che con la cooperazione, oggi come ieri, si possono affrontare le problematiche della nostra contemporaneità. Per questo egli sotto la  sua opera scrive:

”Le case,  il Castello, la Chiesa di Massafra,elementi identitari della nostra terra, memoria del passato, testimonianze per il futuro, sottolineano che con la partecipazione, la condivisione, la disponibilità immediata e razionale si recuperano  la libertà dell’Uomo e la sua dignità”.

Nella foto il manifesto creato da Nicola Andreace per il Palio della Mezzaluna 2013

Invia commento comment Commenti (0 inviato)