Privacy Policy politicamentecorretto.com - Si è svolto a Massafra il Palio della Mezzaluna 2014. L’ha vinto il rione Imperiali

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Si è svolto a Massafra il Palio della Mezzaluna 2014. L’ha vinto il rione Imperiali

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

Dopo tre anni, il Palio della Mezzaluna è ritornato nel rione Imperiali (l’aveva già vinto nel 1960, 2007, 2009 e 2010).

Sono stati, sabato scorso, gli atleti Nanni Antonante, Paolo Girardi, Sergio Cicerone e Cosimo Magazzile a vincere, ieri sera, la corsa a staffetta dell’edizione 2014 del Palio della Mezzaluna, dopo un avvincente testa a testa con il quartetto del rione Santa Caterina, inseguito dal team dei Pappacoda che, alla fine, si è classificato secondo. Terzo Santa Caterina, quarto San Marco, quinto Gesù Bambino e sesto Santi Medici.

Gli Imperiali hanno dedicato la vittoria al loro priore storico, Cosimo Marangi, starter della competizione.

«Accogliamo questa vittoria con tanta gioia (ha commentato don Michele Bianco, parroco del “Sacro Cuore”) e la dedichiamo a Mimino, che ama tanto il nostro rione e si è impegnato molto per il Palio». E, subito dopo l’accensione della coreografia di fuochi d’artificio, il primo pensiero degli atleti e dei figuranti, guidati da Mariagrazia Palmisano, è stato proprio quello di riportare il Palio nelle sue mani, per festeggiare insieme.

La coinvolgente staffetta è stata preceduta dal corteo storico, aperto dagli sbandieratori e dai musici del rione Lama di Oria, seguiti dai figuranti e dai cavalieri dei sei rioni massafresi, con in coda donna Isabella Monsorio, signora di Massafra, e Jacopo Micheli, vescovo di Mottola, al tempo della battaglia contro i turchi del 1594, e il Carroccio, trainato da due buoi, con il Palio del Comune, accompagnato dai musici del rione San Domenico di Oria.

Dopo il giuramento dei capitani dei rioni, l’intervento del sindaco Martino Tamburrano. «In questa piazza, cuore del centro storico (ha dichiarato il primo cittadino di Massafra), ritroviamo le nostre radici e siamo pronti alle sfide presenti e future, grandi e piccole, facili e difficili».

Il sindaco Tamburrano ha espresso un ringraziamento al professor Cosimo Damiano Fonseca «per aver dato lustro, negli anni, al “Palio della Mezzaluna con il suo grande apporto storico-scientifico».
 
Ha ricordato il maestro Nicola Andreace, scomparso lo scorso 30 aprile, che anche quest’anno ha accompagnato la comunicazione visiva della manifestazione, e altri due illustri concittadini scomparsi di recente, il professor Attilio Caprara e il preside Enzo Monaco.

Sulla tribuna d’onore, le autorità civili, militari e religiose e le delegazioni dei Comuni ospiti per l’occasione della città di Massafra che hanno siglato, lo scorso 13 agosto, a Cuccaro Vetere, il protocollo d’intesa del progetto “Rete delle Città del Palio”, presentato ieri mattina nel Palazzo della Cultura, nel corso di un incontro presieduto dall’assessore comunale alla Cultura Antonio Cerbino, al quale sono intervenuti: per Cuccaro Vetere, il sindaco Aldo Luongo; per Palo del Colle, l’assessore ai Servizi Sociali e al Turismo Lucia Grieco e il consigliere comunale Antonio Amendolara; per Ginosa, il sindaco Vito De Palma e l’assessore alla Cultura Mario Toma; per Galatone il vicesindaco Claudio Botrugno.

Il progetto è finalizzato a stabilizzare gli eventi di promozione e consolidare la rete territoriale, a creare occasioni di sviluppo e di valorizzazione di comuni tradizioni, beni artistici, monumentali e ambientali, «stando insieme» (come sottolineato dall’assessore Cerbino). «È uno strumento importante che mira allo scambio culturale (ha rimarcato ieri sera Aldo Luongo, sindaco di Cuccaro Vetere, Comune capofila del progetto ), alla valorizzazione e al recupero delle tradizioni e alla messa in rete di manifestazioni che possano avere anche la possibilità di intercettare anche finanziamenti europei».

La serata è stata presentata da Tiziana Gentile ed ha visto, oltre alle forze dell’ordine, il prezioso supporto della Protezione Civile e della Croce Rossa di Massafra. Da ricordare che dalle ore 17.00 alle ore  22.00, presso l’Ufficio Culturale, ha anche funzionato con un Ufficio Postale con gli impiegati Antonio Fiorente e Daniele Latorrre (vi ha collaborato il Circolo Filatelico con presidente Nino Bellinvia e vice presidente Francesco Rospo) che ha posto sulla cartolina con il Palio 2014, opera di Andreace,  l’apprezzato annullo filatelico, creato da Grazia Tagliente che è stato richiesto da tanti cittadini e collezioni provenienti anche da altri paesi.

Ricordiamo che la cerimonia di consegna del drappo del Palio, firmato Nicola Andreace, avrà luogo il prossimo 5 ottobre nella chiesa del “Sacro Cuore”. Calerà così il sipario sull’edizione 2014 del Settembre Massafrese, organizzato dall’associazione culturale “MassafraNostra”, presieduta da Giuseppe Quero, con il patrocinio del Comune e della Consulta delle associazioni.

Nella foto di Luigi Serio un momento della festa dei vincitori che innalzano il drappo del Palio 2014.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)